Home Home Carenza di vitamina D: oltre le ossa. Ecco cosa succede al nostro...

Carenza di vitamina D: oltre le ossa. Ecco cosa succede al nostro corpo

580
0
carenza di vitamina

La vitamina D è costituita da 5 tipi di vitamine che vanno dalla D1 alla D5, essa è molto importante per il nostro organismo, considerando che solo una piccola percentuale viene immagazzinata attraverso gli alimenti, come: pesce, latte, uova, olio di fegato di merluzzo o funghi. La restante parte necessaria al nostro fabbisogno viene assicurata mediante una regolare esposizione all’azione della luce solare sulla pelle. Cosa succede quando abbiamo una carenza di vitamina d e qual è la sua funzione?

Ma cos’è la vitamina D?

E’ un tipo di vitamina, ma si comporta come un ormone, di natura liposolubile endogena, ovvero sintetizzata direttamente dal nostro organismo, si scioglie nei grassi, attraversa l’organismo grazie alle sostanze lipidiche e va ad agire sia sugli organi che sui tessuti.

Una regolare esposizione diretta, anche di soli 30 minuti, permette alla nostra pelle di sintetizzarla, vi sono però degli ostacoli come l’obesità, l’anzianità o l’inquinamento atmosferico che agiscono come degli schermi.

Il fabbisogno giornaliero varia in base al sesso ed all’età, nei casi di gravi carenze è utile integrarla.

Ma è davvero così importante?

La vitamina D è estremamente importante essendo un regolatore del metabolismo del calcio, è indispensabile nella calcificazione delle ossa oltre a stimolare l’assorbimento di calcio e fosforo nel sangue.

Grazie alla luce solare stimola la produzione di endorfine, serotonina e dopamina tutti ormoni che danno un senso di benessere, migliora la funzionalità dell’insulina.

Riduce la pressione alta e soprattutto fa bene al cervello, prevenendo il rischio di malattie neuro degenerative come il morbo di Parkinson o di Alzheimer.

Cosa succede in caso di carenza di vitamina d?

Le persone più a rischio sono quelle che trascorrono poco tempo all’aria aperta, gli anziani, i bambini, le donne in gravidanza o in allattamento.

I sintomi che si manifestano in caso di Ipovitaminosi, ovvero carenza di vitamina D sono aspecifici e variano da soggetto a soggetto, nei bambini sono frequenti casi di rachitismo

Generalmente si può avvertire dolore alle ossa e una debolezza muscolare, nei casi più gravi si può soffrire di demineralizzazione ossea, osteoporosi, osteomalacia o fragilità ossea.

Anche il cuore ne risente esponendo l’organismo a rischi cardiovascolari, una seria carenza potrebbe favorire la comparsa di malattie autoimmuni come: Lupus, Artrite o Diabete di tipo 1.

Si possono manifestare seri danni a livello cerebrale, con cali delle prestazioni cognitive, di apprendimento e di memoria.

I bassi livelli di vitamina D possono favorire il rischio di sviluppare la sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica, il morbo di Parkinson o quello di Alzheimer.

Se questo articolo sulla carenza di vitamina d ti è piaciuto, leggi anche:

PUBBLICITAAbbonati alla nostra newsletter: è gratis!

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: FacebookTwitterGoogle+ e Instagram!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome

tre × due =