Home Home 8 sintomi che indicano che hai una carenza di proteine e come...

8 sintomi che indicano che hai una carenza di proteine e come risolverla

1025
0
carenza-proteine

Le proteine ​​sono essenziali per l’organismo, grazie alle lunghe catene di aminoacidi garantiscono lo sviluppo, la crescita e il mantenimento del nostro corpo. Ecco perché è davvero importante evitare una carenza di proteine. Scopriamo insieme da quali sintomi è caratterizzata e come risolverla.

Prima di parlare della carenza di proteine ci teniamo a precisare che in natura ci sono diversi alimenti che contengono proteine, come uova, pesce e carne. Anche verdure, noci e semi sono buone alternative, soprattutto per vegetariani e vegani. Per farti un’idea di quanto abbiamo bisogno di aminoacidi, sappi che i nostri muscoli, organi e tessuti sono strutturati da proteine ​​assemblate. Quindi sono le proteine ​​che aiutano a guarire le ferite, controllare i livelli di zucchero nel sangue e neutralizzare i batteri.

Idealmente, le persone consumano più o meno il loro peso in grammi di proteine ​​al giorno. Ecco perché la maggior parte delle persone è carente di proteine.

Quali sono i sintomi più comuni della carenza di proteine ​?

1. Insonnia

Senza proteine, il corpo tende a desiderare carboidrati e zuccheri in eccesso.

Per chi non lo sapesse, lo zucchero si trasforma in energia, che provoca disordini prima di coricarsi.

2. Problemi cardiovascolari

Una carenza di proteine ​​può scatenare problemi cardiaci e diabete di tipo 2.

È anche causa di ipoglicemia.

3. Eruzione cutanea sulla pelle, caduta dei capelli e crescita lenta delle unghie

Quando ci sono eruzioni cutanee sulla pelle, la crescita lenta delle unghie e i capelli iniziano a cadere allo stesso tempo, potrebbe esserci una mancanza di proteine ​​​​come la biotina (B7).

Per evitare questo problema, mangia funghi, noci, salmone, avocado, cavolfiore, banane e lamponi.

4. Macchie bianche o rosse su guance, braccia e cosce

Potrebbe trattarsi di carenza proteica, ma indica anche una carenza di acidi grassi essenziali e vitamine A e D. La soluzione a questo problema è smettere di mangiare così tanti grassi trans e aumentare l’assunzione di grassi sani. Alimenti come salmone, mandorle, noci, chia e semi di lino sono ottime alternative per combattere gli inestetismi. Consigliamo anche verdure a foglia verde e tuberi.

5. Crampi e dolore alle gambe e ai piedi

Probabilmente, oltre alle proteine, c’è una carenza di calcio, potassio e magnesio. È anche possibile che la tua vita sia piuttosto sedentaria. Per invertire questa situazione, è importante mangiare nocciole, banane, mandorle, zucca, mele, ciliegie, broccoli e tutte le verdure a foglia verde.

6. Perdita di massa muscolare

Questo perché il corpo “nutre” le proteine ​​nei tessuti e nei muscoli.

7. Ritardo nella crescita fisica e mentale

È noto che un bambino che non è stato nutrito adeguatamente nei primi anni di vita ha molte probabilità di soffrire di problemi fisici e psicologici.

8. Formicolio alle mani e ai piedi

Se mancano acido folico e vitamina B, sentiremo formicolio alle mani e ai piedi. Questo è correlato ai nervi periferici e spesso si accompagna a stanchezza, depressione, ansia e squilibri ormonali. La soluzione è consumare uova, lievito di birra e fagioli (di tutti i tipi).

Vegani e vegetariani possono contare su tanti cibi ricchi di proteine ​​ma anche ricchi di fibre e altri nutrienti. Mandorle, semi di lino, chia, fagioli adzuki, lenticchie, avena e quinoa sono buone fonti. Per quanto riguarda le verdure, broccoli, cavoli, funghi e spinaci sono ottime scelte. I migliori tipi di carne per consumare proteine ​​sono il manzo allevato con erba, il salmone selvatico e il pollo biologico.

Leggi anche: 

Abbonati alla nostra newsletter: è gratis!

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: FacebookTwitter Instagram!

NB: Le informazioni riportate in questo articolo sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche. Pertanto non devono intendersi come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o la sospensione di un farmaco. L’articolo ha scopo informativo, ma non intende sostituire in alcun modo il parere di un medico generico o specialista. L’utilizzo delle informazioni fornite è da intendersi sotto la responsabilità, il controllo e la discrezione del lettore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome

10 − 6 =