menopausa

Solitamente, si parla di menopausa quando si ha un interruzione della mestruazione o la sua assenza supera i 12 mesi consecutivi. Nonostante l’età media in cui si verifica è di 51 anni, può capitare che l’interruzione del ciclo arrivi prima o dopo quest’età.

 

Quanto tempo dura la menopausa?

Quando la menopausa si avvicina, gli ovuli diventano più forti e le ovaie riducono drasticamente la produzione di estrogeni. Ciò farà male a diverse parti del nostro corpo, come ad esempio:

  • I vasi sanguigni
  • Il cuore
  • Le ossa
  • Il seno
  • L’utero
  • Il sistema urinario
  • La pelle e il cervello

Si ritiene che la perdita di estrogeni sia la causa di molti dei sintomi associati alla menopausa ed in particolare alla riduzione della produzione di testosterone, l’ormone coinvolto nella libido o desiderio sessuale.

menopausa

Quali sono i primi sintomi della menopausa?

Con l’arrivo della menopausa ogni donna deve affrontare una serie di cambiamenti nel corpo. I sintomi che iniziano a manifestarsi prima della menopausa, sono:

  1. Vampate di calore.
  2. Sudorazione notturna.
  3. Attacchi di freddo.
  4. Piedi o mani gelate.
  5. Tremore.
  6. Secchezza vaginale.
  7. Depressione lieve.
  8. Cambiamenti costanti nell’umore e nell’irritabilità.
  9. Cambiamenti del seno.
  10. Periodi più pesanti o più leggeri.
  11. Peggioramento della sindrome premestruale (PMS).
  12. Pelle, occhi e bocca secca.
  13. Mal di testa.
  14. Accelerazione del ritmo cardiaco.
  15. Dolori muscolari e articolari.
  16. Problemi di memoria e concentrazione.
  17. Perdita dei capelli
  18. Aumento o perdita di peso.

Se questo articolo ti è piaciuto, leggi anche:

PUBBLICITAAbbonati alla nostra newsletter: è gratis!

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: FacebookTwitterGoogle+ e Instagram!

NB: Le informazioni riportate in questo articolo sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche. Pertanto non devono intendersi come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o la sospensione di un farmaco. L’articolo ha scopo informativo, ma non intende sostituire in alcun modo il parere di un medico generico o specialista. L’utilizzo delle informazioni fornite è da intendersi sotto la responsabilità, il controllo e la discrezione del lettore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × due =