usare il cellulare prima di andare a dormire
Spread the love

Quando non esisteva ancora l’elettricità, ci si addormentava subito dopo il tramonto. Questa cosa oggi ci sembra impossibile, ma può aiutarci a capire che forse non avere così tanta tecnologia a disposizione era forse un bene. Si riposava di più e anche meglio. Oggi, invece, abbiamo l’elettricità e per questo possiamo usare il telefono cellulare, il computer e altri ritrovati tecnologici in qualsiasi ora del giorno e della notte. Tuttavia usare il cellulare prima di andare a dormire fa male. 

Perché usare il cellulare prima di andare a dormire fa male?

usare il cellulare prima di andare a dormire

L’uso costante di dispositivi elettronici può causare disturbi e problemi di salute. Ciononostante non riusciamo a stare lontani dal nostro cellulare e lo prendiamo in mano centinaia di volte al giorno per controllare i messaggi oppure postare uno stato sui social network.

La ricerca

usare il cellulare prima di andare a dormire

Una ricerca scientifica ha dimostrato che l’esposizione notturna alla luce artificiale impedisce la produzione di melatonina, l’ormone che controlla il ciclo sonno-veglia. Mentre il buio stimola la naturale produzione di questo ormone e proteggere le cellule da eventuali danni, la luce artificiale la blocca. Senza questo ormone, siamo più inclini al cancro, al diabete di tipo 2, all’obesità, alle malattie cardiache, alla sindrome metabolica e le nostre difese immunitarie risultano indebolite.

Per questo usare il computer, il tablet o lo smartphone prima di andare a dormire fa davvero malissimo. Di conseguenza è utile abbandonare subito questa cattivissima abitudine ed evitare che la prendano anche i più piccoli. Quindi se hai un figlio piccolo insegnagli che è importante mettersi a letto presto e non usare il cellulare prima di andare a dormire.

Se questo articolo ti è piaciuto, leggi anche:

Le immagini inserite nel presente articolo sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimosse.

NB: Le informazioni riportate in questo articolo sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche. Pertanto non devono intendersi come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o la sospensione di un farmaco. L’articolo ha scopo informativo, ma non intende sostituire in alcun modo il parere di un medico generico o specialista. L’utilizzo delle informazioni fornite è da intendersi sotto la responsabilità, il controllo e la discrezione del lettore.

Abbonati alla nostra newsletter: è gratis!

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Google+Instagram!

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

undici + 8 =