casalinghe

Ogni giorno le casalinghe cucinano, si occupano delle pulizie, pensano al bucato, fanno la spesa e accudiscono i lpropri figli e familiari. In ragione di questo fare la casalinga è un vero e proprio lavoro ma, a differenza degli altri, non viene retribuito.

Riflettendo sull’importanze del ruolo delle casalinghe, l’Associazione Evita Peron ha pensato bene di avviare una raccolta firme per far sì che ogni donna italiana che non lavori fuori casa riceva un’indennità mensile di 500 euro, più altri 300 euro per ogni figlio nato, fino al compimento del 18° anno d’età.

Tra le ragioni che hanno spinto, le rappresentanti dell’Associazione, ad avanzare questa proposta c’è sicuramente il fatto che fare la casalinga è l’unico lavoro che non prevede una retribuzione né oneri previdenziali né, tantomeno, dei limiti di orario. Inoltre non avendo alcun introito molte casalinghe, con problemi economici, sono costrette a sacrificare il loro ruolo di mamme e moglie per cercarsi un lavoro al di fuori delle mura domestiche.

Molte professioniste italiane sposano questa causa, tra queste l’Avvocato Giulia Bongiorno che, tempo fa, propose uno stipendio antiviolenza. Secondo la Bongiorno, infatti, dipendere dal marito economicamente fa sì che alcune donne accettino determinati tipi di violenza. In ragione di questo, c’è bisogno che anche le donne ricevano degli introiti per emanciparsi dai mariti.

Altre donne, invece, si dicono favorevoli alla proposta in quanto garantendo un reddito alle casalinghe si combatterà anche il problema della crescita zero.

Nonostante ci siano molti pro, secondo alcune donne, questa proposta ha anche dei contro: si andrebbero a vanificare gli sforzi fatti per ottenere la parità di sesso e si incentiverebbero le donne a non studiare per trovare un’occupazione di un certo livello.

E voi cosa ne pensate? Siete favorevoli o contrarie? Partecipate al sondaggio firmato DidiDonna: anche i mariti possono esprimere la propria opinione a riguardo!

2 Commenti

  1. […] SONDAGGIO – Stipendio alle casalinghe: sì o no? […]

  2. […] SONDAGGIO – Stipendio alle casalinghe: sì o no? […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × 2 =