Home Home Bambina di 4 anni ha quasi perso la vista a causa dell’eccessivo...

Bambina di 4 anni ha quasi perso la vista a causa dell’eccessivo uso del cellulare

1930
0
uso del cellulare

Si sa, l’uso eccessivo del cellulare fa male alla salute. Tuttavia mai avremmo immaginato che potesse causare la perdita della vista. Eppure è successo: una bambina di 4 anni ha quasi perso la vista a causa dell’eccessivo uso del cellulare ed è stata costretta a sottoporsi ad un intervento di chirurgia oculare.

L’uso eccessivo di smartphone e tablet da parte dei bambini (ma anche degli adulti) può causare sintomi gravi, come ad esempio:

– scarsa lacrimazione

– bruciore

– lacrimazione

– rossore

– miopia

Ma non è finita qui! L’utilizzo eccessivo del cellulare può causare anche ambipliopia.

Il caso della bambina che ha quasi perso la vista a causa dell’eccessivo uso del cellulare

Una bambina thailandese ha quasi perso la vista a causa della dipendenza dalla tecnologia.

Tutto ebbe inizio quando aveva solo due anni. Ogni giorno amava passare ore ed ore attaccata ad uno schermo fino a quando, all’età di 4 anni, sviluppò l’ambliopia, un problema noto come “occhio pigro”.

L’occhio pigro è la deviazione o il disallineamento di un occhio che causa perdita della vista e strabismo. Una condizione che non può essere corretta con l’uso di occhiali in quanto il cervello non riconosce pienamente le immagini viste dall’occhio.

Ecco perchè la bambina che ne è stata colpita è stata costretta a sottoporsi ad un intervento chirurgico grazie al quale oggi può usare entrambi gli occhi.

Bambini e uso dei cellulari

È importante precisare che i bambini sono più suscettibili si problemi legati all’uso eccessivo di telefoni cellulari, tablet e computer, perché sono in fase di crescita. Ecco perché gli esperti consigliano di far utilizzare questi dispositivi ai bambini per pochissimo tempo ovvero per un massimo di due ore al giorno. Per i bambini tra 2 e 5 anni, il tempo si riduce a un’ora al giorno.

Condividete questo articolo con chiunque abbia un bambino o un adolescente. Vale la pena che lo legga!

Leggi anche:

Abbonati alla nostra newsletter: è gratis!

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: FacebookTwitterGoogle+ e Instagram!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome

uno × tre =