Home Home L’infiammazione del nervo vago causa ansia e depressione. Ecco come contrastarla

L’infiammazione del nervo vago causa ansia e depressione. Ecco come contrastarla

Ansia e depressione sono un po’ i mali dei tempi moderni. Un po’ tutti ne soffriamo, così come un po’ tutti non riusciamo ad individuare la causa del loro insorgere. Una delle probabili cause potrebbe essere l’infiammazione del nervo vago. Proprio così! Quando questo nervo si infiamma è possibile andare incontro anche a problemi di tipo psicologico.

Che cos’è il nervo vago?

infiammazione del nervo vago

Il nervo vago, da non confondersi con il nervo sciatico, è un nervo del sistema parasimpatico che si estende dall’encefalo fino ad arrivare all’addome, coinvolto in funzioni muscolari, intestinali, nella sudorazione e nel funzionamento del cuore e dello stomaco.

Cosa succede quando si ha un’infiammazione del nervo vago?

Nausea, mal di testa, vista offuscata, rigidità al collo, formicolio alle mani, problemi con la deglutizione, nausea, vomito, intorpidimento, senso di svenimento e vertigini.

Studi recenti hanno, inoltre, dimostrato che l’infiammazione del nervo vago può avere come diretta conseguenza ansia e depressione.

Come va trattata l’infiammazione?

infiammazione del nervo vago

 

 

Questi problemi oltre ad essere trattati con dei farmaci specifici, possono essere risolti attraverso la manovra di Valsala. Sul web esistono diversi tutorial che spiegano che eseguire la manovra. Tuttavia in questo caso, si sconsiglio vivamente di ricorrere a metodi fai da te. E’ consigliabile, infatti, a rivolgersi ad uno specialisti che vi aiuti a risolvere il vostro problema in tutta sicurezza.

Se questo articolo ti è piaciuto, leggi anche:

Abbonati alla nostra newsletter: è gratis!

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Google+Instagram!

NB: Le informazioni riportate in questo articolo sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche. Pertanto non devono intendersi come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o la sospensione di un farmaco. L’articolo ha scopo informativo, ma non intende sostituire in alcun modo il parere di un medico generico o specialista. L’utilizzo delle informazioni fornite è da intendersi sotto la responsabilità, il controllo e la discrezione del lettore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 − 5 =