cancro ovarico

Ogni anno milioni di donne di tutto il mondo muoiono di cancro ovarico. Si tratta di una forma di cancro silenziosa che molte donne, circa l’80%, scoprono di avere solo quando la malattia è in stato avanzato. Tuttavia diagnosticarla sin dalle prime fasi può essere indispensabile per salvare la vita dell’ammalata.

Ecco alcuni segnali da non sottovalutare:

1. Mal di schiena frequente: potrebbe essere un chiaro segnale di cancro ovarico.

2. Dolore all’addome e al bacino: non ignorarlo, effettua subito un controllo.

3. Ciclo irregolare: un recente studio ha rivelato che le donne sopra i 55 anni hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro ovarico in quanto iniziano ad avere un ciclo irregolare. In caso di anomalie o cambiamenti avvertite subito il vostro medico.

4. Stanchezza, nausea, vertigini, mancanza di appetito e sensazione di malessere generalizzato sono i sintomi che avvertono l’80% delle donne prima di scoprire che sono ammalate.

5. Gas intestinale: molte credono che si tratti di un problema digestivo, ma può essere un sintomo del cancro ovarico.

6. Provare dolore durante un rapporto: secondo la rivista Medical News Today, avvertire dei dolori durante il rapporto è un sintomo del cancro.

7. Il cancro ovarico può causare vomito e quindi la perdita di peso.

8. Stomaco gonfio: se hai un addome molto gonfio chiama subito il tuo medico.

9. Eccessiva crescita o perdita dei capelli: anche se non è un sintomo molto comune tra i malati di cancro, non dovrebbe essere ignorato.

10. Costipazione: questo tipo di cancro influenza il nostro sistema digestivo, soprattutto nella fase iniziale.

Se avvertite uno di questi sintomi non dovete ignorarlo, avvisate subito il vostro medico. Ricordate che prevenire è meglio che curare e in questo, come in molti altri casi, la prevenzione può salvarvi la vita. Pertanto vi invito a sottoporsi regolarmente a delle visite specialistiche.

Se questo articolo sui sintomi del cancro ovarico vi è piaciuto, leggete anche:

Nb: Le informazioni contenute in questo articolo non intendono sostituire il rapporto diretto tra medico e paziente. Per maggiori informazioni è opportuno rivolgersi ad uno specialista.

Abbonati alla nostra newsletter: è gratis!

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Google+ e Instagram!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × 5 =