referendum

Domenica 17 aprile i cittadini italiani saranno chiamati al voto per il “referendum sulle trivellazioni”, ovvero la consultazione popolare per l’abrogazione dell’articolo 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152.

Il referendum riguarderà l’abrogazione della norma che riguarda la durata delle trivellazioni marine entro 12 miglia dalla costa, fino all’esaurimento del giacimento.
referendum
Il fac-simile della scheda della scheda per la votazione del Referendum del 17 aprile

Sulla scheda per la votazione sarà stampato il seguente quesito:

Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale”?

Inoltre, sulla scheda, verrà riportata anche la denominazione del referendum:

Divieto di attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi in zone di mare entro dodici miglia marine. Esenzione da tale divieto per i titoli abilitativi già rilasciati. Abrogazione della previsione che tali titoli hanno la durata della vita utile del giacimento.

Affinché il referendum abrogativo sia valido, è necessaria la partecipazione alla votazione da parte della maggioranza degli aventi diritto.

Votare oltre che essere un diritto è un dovere di tutti i cittadini. Affinché non siano sempre gli altri a decidere per noi, è importante esprimere la nostra preferenza, qualsiasi sia.

Per maggiori informazioni sul referendum, vi rimando al sito del Ministero dell’interno.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × 2 =