lifting al viso e al collo

Oggi vi spiegheremo come fare a non invecchiare grazie alla strategia del non invecchiamento al lifting al viso e al collo.

La nostra, una società che non invecchia

Oggi viviamo tutti in una società nella quale si invecchia meno dei nostri genitori o, perlomeno, più lentamente. In questa società l’età vera non è paritetica al fisico e alla mente e i fattori che hanno determinato questo cambiamento sono molti e relativi, dal punto di vista corporeo, allo sviluppo di un modo diverso di nutrirsi, a una cultura maggiore della forma fisica, ai cambiamenti velocissimi della nostra società. Cambiamenti a cui bisogna, in qualche modo, adeguarsi. Cambiamenti più o meno importanti, strutturali o superficiali.
In controtendenza, se così si può dire, con il fenomeno globale di invecchiamento della popolazione, in questa società, una donna che si sente giovane, piena di lavoro e di interessi, “ha a disposizione” tutti gli strumenti possibili per correggere i propri difetti naturali, ma soprattutto quelli legati al passare del tempo mediante trattamenti al viso e interventi estetici che si inseriscono appieno in quella che potremmo definire come strategia del non invecchiamento.

L’intervento di lifting al viso e al collo: che cos’è?

L’obiettivo di un intervento di lifting al collo e al viso è restituire tensione e compattezza a viso e collo ridando freschezza ai loro contorni, appesantiti dallo scivolamento verso il basso della pelle e delle strutture fibro-adipose sottostanti per effetto del tempo, risollevando la guancia fino alla regione inferiore della mandibola.

Dove vengono posizionate le incisioni e cosa succede dopo l’intervento

Le incisioni sono posizionate accuratamente in modo da essere il più possibile nascoste e rendersi così praticamente invisibili.
Dopo l’intervento di lifting al viso e al collo viene fatto indossare un bendaggio a baschetto e viene tenuto per 2 giorni per proteggere le ferite e mantenere una leggera compressione. L’edema che si forma localmente tende a scendere verso la parte inferiori del volto per poi scomparire nell’arco di 4-5 giorni. Le ecchimosi, nel periodo successivo all’operazione, sono quasi sempre modeste anche se, talvolta, possono presentarsi in maniera più evidente per durare fino ai 10 giorni. Il dolore è praticamente assente e la ripresa della normale vita sociale e lavorativa con un viso completamente “ringiovanito” può essere prevista in circa 10 giorni anche se dopo 5 giorni è possibile truccarsi e uscire senza medicazioni.

Dopo quanto tempo vengono rimossi i punti di sutura?

I punti di sutura della pelle vengono rimossi, infatti, dopo 5-6 giorni mentre sul cuoio capelluto si aspetta fino a 8 giorni circa. Si possono lavare i capelli, generalmente, il giorno dopo la rimozione dei punti. E’ necessario dormire i primi giorni in posizione supina e con la testa in alto. L’esposizione al sole diretto deve essere assolutamente evitata per almeno tre mesi.
E’ possibile riprendere l’attività sportiva dopo almeno un mese ed in maniera graduale. Una precauzione: è bene non fumare durante la convalescenza poiché il fumo ritarda la guarigione delle ferite e riduce l’ossigenazione dei tessuti.

PUBBLICITA

Abbonati alla nostra newsletter: è gratis!

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: FacebookTwitterGoogle+ e Instagram!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × due =