pesce d'aprile

Il pesce d’aprile è una tradizione consolidata in tutto il mondo, che consiste nel mettere in atto degli scherzi divertenti durante la giornata del 1° aprile.

Gli scherzi possono essere di varia natura, ma sostanzialmente hanno tutti lo scopo di prendersi gioco della vittima prescelta e ridere insieme della riuscita o meno dello scherzo. In ragione di questo, l’unica funzione di questo tipo di pratica è suscitare il riso e l’ilarità di chi partecipa al pesce d’aprile.

Per quanto riguarda la storia di questa tradizione, va detto, che non si hanno molte notizie. Si può affermare, solo, che presenta numerose affinità con gli Hilaria dell’Antica Roma che venivano celebrati il 25 marzo e gli con Holi induista legati all’equinozi di primavera.

Alle origini del pesce d’aprile

Molto probabilmente, questa festa ha avuto origine nel momento in cui è cambiato qualcosa nel festeggiamento del Capodanno Gregoriano. Nel 1582 fu, infatti, adottato in Europa il Calendario Gregoriano, il cui capodanno coincideva coi giorni compresi tra 25 marzo e 1° aprile. In occasione della festività, le persone erano solite scambiarsi pacchi regalo. Nel momento in cui i pacchi iniziarono ad essere vuoti, s’iniziò a parlare di poisson d’Avril, Fool’s day, Gowkie day o pesce d’aprile.

Insomma, il pesce d’aprile nasce come espediente per suscitare il riso per cui tutti gli scherzi sono concessi, l’importante è divertirsi e non esagerare.

Buon pesce d’aprile a tutte le lettrici e i lettori di D di Donna!

Se questo articolo ti è piaciuto, potrebbe interessarti anche:

La storia della festa del papà
L’11 marzo di Torquato Tasso

————————————————————————————————

Per non perderti nessun articolo firmato D di Donna iscriviti alla nostra newsletter. Per scoprire come fare, leggi l’articolo:
Iscriviti alla nostra newsletter

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × quattro =