disturbi psicologici

Partendo dal presupposto che non tutti i disturbi psicologici sono innati, ma possono svilupparsi anche in seguito ad esperienze significative, oggi parleremo dei 4 tipi di situazione che possono segnare la vita di un individuo.

Quali sono i 4 tipi di esperienza che possono condurre allo sviluppo di disturbi psicologici?

1) Situazioni ad alto livello di frustrazione

Accumulare troppo stress, sentirsi soli e incompresi, non sentirsi amati da nessuno può comportare lo sviluppo di un disturbo psicologico. La mancanza momentanea di un fattore quale la tranquillità, l’amore o l’affetto può trasformarsi in un problema permanente nella mente di un soggetto adulto con delle insicurezze.

2) Esperienze traumatiche

Subire un abuso oppure vivere un’esperienza traumatica può segnare per sempre l’esistenza di un individuo. Provare una sensazione così forte, può causare anche un cambiamento radicale nel comportamento del soggetto. Solitamente, situazioni di questo tipo, favoriscono l’insorgere di: ipervigilanza, ansia, sfiducia e mancanza di speranza.

3) Trauma infantile da iperaccudimento

Dare troppe attenzioni al proprio bambino non sempre è cosa buona e giusta. Riversare troppe attenzioni sul proprio figlio, può avere un effetto opposto rispetto a quello sperato. Un bambino troppo curato nella migliore delle ipotesi finisce per diventare viziato, mentre nella peggiore può sviluppare un accentuato narcisismo, manie di grandezza oppure mancanza di autonomia.

4) Apprendimento disfunzionale da osservazione

Non sempre un disturbo è originato da situazioni specifiche. Un bambino può sviluppare un problema psicologico anche guardando semplicemente un comportamento strano o sbagliato. Un bambino che è sempre a contatto con una mamma ansiosa, può assumere lo stesso comportamento del genitore in quanto potrebbe acquisirlo per osservazione.

Insomma, sviluppare un trauma o un disturbo psicologico è molto più semplice di quanto si possa immaginare. Se anche voi temete di avere qualche problema di questo tipo, non esitate a rivolgervi ad uno specialista.

Se questo articolo vi è piaciuto, leggete anche:

Abbonati alla nostra newsletter: è gratis!

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Google+ e Instagram!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × tre =