ansia
Se soffrite di ansia, soprattutto sociale, sarete felici di scoprire che l’ultima ricerca condotta dai ricercatori del College of William and Mary di Williamsburg in Virginia, pubblicata in Psychiatry Research, ha rivelato che il consumo regolare di alimenti fermentati riduce l’ansia sociale.
I ricercatori sono giunti a questa scoperta dopo aver analizzato i questionari di 710 studenti, interrogati circa la loro assunzione di alimenti fermentati, negli ultimi 30 giorni. All’interno dei questionari era, inoltre, richiesta la frequenza con la quale avevano svolto attività fisica e il loro consumo di frutta e verdura nell’arco di un mese. Dalle loro schede è emerso che coloro che mangiano una maggiore quantità di alimenti fermentati riportano livelli più bassi di ansia sociale.
Il responsabile della ricerca, Matthew Hilimire, in un’intervista a PsychCentral ha spiegato che i probiotici contenuti negli alimenti fermentati apportano dei cambiamenti nell’ambiente dell’intestino tali da influenzare l’ansia sociale.
Può essere difficile credere che i batteri possano influenzare la nostra mente, ma tuttavia un numero crescente di ricerche ne sta dando conferma. Uno studio condotto dai ricercatori della McMaster University, pubblicato sulla rivista medica Gastroenterologyha infatti scoperto che il probiotico  noto come Bifidobacterium longum elimina l’ansia e aiuta a gestire le situazioni fortemente a rischio.
Mentre uno studio francese, pubblicato sul British Journal of Nutritionconferma entrambi gli studi, dimostrando che il ceppo probiotico B. longum insieme al ceppo probiotico Lactobacillus helveticus riduce l’ansia, lo stress, la depressione e i sentimenti di rabbia e ostilità.
Anche se non è ancora chiaro il meccanismo o meccanismi esatti che innescano questo processo, si ritiene che i probiotici riducano l’infiammazione gastrointestinale e aumentino i livelli di serotonina, anche nota come ormone della felicità o del cervello. In realtà, si stima che circa il 90% della serotonina del nostro corpo non si trova nel cervello, ma tratto gastrointestinale. Di conseguenza l’intestino si configura come il nostro “secondo cervello”, teoria che viene confermata dal fatto che ricerca dopo ricerca vengono fuori nuovi nessi tra queste due parti del nostro corpo.

5 Commenti

  1. […] Di notte quando si è assaliti dai brutti pensieri, bisogna fare i conti con l’insonnia ed addormentarsi velocemente diventa una missione impossibile. Dormire almeno otto ore è, però, importante. Dunque per non incorrere in una notte da dimenticare, occorre: •  Cercare di andare a letto e svegliarsi sempre alla stessa ora. •  Non assumere caffeina nel tardo pomeriggio e durante la sera. •  Non utilizzare smartphone e tablet un’ora prima di andare a letto. •  Creare un ambiente ottimale per dormire cioè buio, silenzioso e fresco. •  Fare qualche attività rilassante prima di mettersi a letto come leggere un libro, fare stretching, fare un bagno o ascoltare musica rilassante. Se dopo aver provato a seguire questi semplici accorgimenti non riuscirete ancora a dormire, provate a: 1. Prendere un quaderno e una penna per scrivere tutto quello che vi passa per la mente Utilizzare una penna e un pezzo di carta per scrivere tutto ciò che vi passa per la testa vi aiuterà a prendere sonno. Scrivere un diario se non vi aiuterà a risolvere il vostro problema, almeno allontanerà un po’ di energia negativa dal vostro sistema nervoso. 2. Accendere po’ di musica ambient Il tipo ideale di musica da ascoltare quando si sta cercando di dormire è la musica ambient strumentale, a basso o medio volume. 3. Seguire una meditazione orientata ad allontanare lo stress e l’ansia La meditazione rilassa la mente e il corpo, per questo potrebbe aiutarvi a risolvere i vostri problemi di stress, ansia e insonnia. 4. Convertire i vostri pensieri negativi in pensieri positivi Questo certamente non è facile, ma è molto importante provare a farlo, soprattutto se si sta attraversando un momento difficile.  Se siete stressati a causa del lavoro, provate a pensare a cosa amate di esso e sarate meno spaventati dai vostri nuovi obiettivi. 5. Provare qualche esercizio mentale che vi distolga dai pensieri negativi Forse tutto ciò che serve è un po’ di distrazione. Qualche semplice esercizio mentale potrebbe allontanare le vostre preoccupazioni.  Ad esempio, con gli occhi chiusi, potreste provare a ricordare qualcosa che vi ha reso felici, in modo tale da ritrovare il buon umore e con esso il sonno perduto. Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche: 5 falsi miti sulla psicologiaEcco perché i probiotici combattono l’ansia sociale […]

  2. […] Ecco perché i probiotici combattono l’ansia sociale […]

  3. […] Ecco perché i probiotici combattono l’ansia sociale […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × tre =