Home Psiche e benessere La fellatio e il cunnilingus possono provocare il cancro alla gola?

La fellatio e il cunnilingus possono provocare il cancro alla gola?

366
0
fellatio cunnilingus

Michael Douglas nel 2013 ha attribuito il suo cancro alla gola al sesso orale, destando curiosità e preoccupazione. Dopo le rivelazioni di questa icona del cinema, la domanda non si è fatta attendere: la fellatio e il cunnilingus possono provocare il cancro alla gola? A questa domanda ha risposto la dottoressa Sandra Fornage, ginecologa specializzata in medicina sessuale.

Il sesso non protetto desta preoccupazione, perché causa molte infezioni o malattie sessualmente trasmissibili. Lo abbiamo visto in molteplici campagne di sensibilizzazione e prevenzione, specialmente nel caso dell’HIV responsabile dell’AIDS. Ma per quanto riguarda i tumori orofaringei? Il papillomavirus umano, noto anche con l’acronimo HPV, fa parte di un gruppo di virus comuni e a trasmissione sessuale. Questi sono responsabili della comparsa di papillomi virali (verruche), che possono svilupparsi nella pelle e nelle mucose. Se la Dott.ssa Fornage sottolinea che l’HPV di per sé è generalmente benigno, precisa anche che alcuni ceppi sono considerati ad “alto rischio” e “possono causare lesioni precancerose che possono trasformarsi in cancro (della cervice, dell’ano, della vulva, del pene o della gola) dopo una decina di anni in media”.

Il ginecologo rivela che il papillomavirus umano può essere “presente nelle mucose vaginali della portatrice” il che comporta “un rischio di trasmissione durante il sesso orale”. Il dottor Joseph Monsonego, ginecologo e specialista in patologie dell’HPV, spiega a Le Figaro che “il virus si trasmette anche per cunnilingus, fellatio o per semplice contatto digitale”.

In determinate condizioni, tra cui l’abbassamento delle difese immunitarie e il fumo, “l’infezione da HPV potrebbe poi progredire fino al cancro alla gola”.

Una prevalenza nei maschi secondo gli scienziati

Uno studio americano della Johns Hopkins University ha suggerito nel 2016 che gli uomini sarebbero più vulnerabili all’HPV 16, un papillomavirus umano ad alto rischio. La trasmissione può avvenire tramite fellatio o cunnilingus e può essere la causa di quelli che vengono chiamati tumori orofaringei, compreso il cancro alla gola.

Presentato al meeting annuale dell’American Association for the Advancement of Science ( AAAS ), lo studio stima che gli uomini hanno “fino al doppio delle probabilità delle donne di sviluppare questi tumori, soprattutto se si moltiplicano i partner con cui praticano il sesso orale”.

Inoltre, i media sottolineano che “l’HPV non innesca direttamente le mutazioni responsabili del tumore , ma provoca cambiamenti nelle cellule che infetta nella gola o nella cervice che diventano cancerose”.

Un secondo studio condotto dall’Università della Florida negli Stati Uniti e pubblicato sulla rivista scientifica Annals of Internal Medicine nel 2017 fa osservazioni simili per quanto riguarda la prevalenza dell’infezione da HPV. Trasmesso da Reuters, quest’ultimo includeva i dati forniti da 4.493 uomini e 4.641 donne. Secondo le stime dei ricercatori, gli uomini sono più suscettibili delle donne all’infezione da papillomavirus umano, in particolare HPV 16. Inoltre, le infezioni da HPV e quelle da HPV ad alto rischio in particolare sono “significativamente associate” al fumo, afferma la CNN .

Alcol e tabacco: fattori di rischio primari

Quando si tratta della sfera ORL in generale, l’ Institut Curie rivela che la maggior parte dei tumori è dovuta al fumo e al consumo di alcol, con rischi ancora maggiori se combinati.

Così, e come ricorda a Le Figaro il Primario Renaud Garrel dell’Unità di oncologia della testa e del collo al CHRU Montpellier, “La recente notorietà dei papillomavirus non deve farci dimenticare che per prevenire il cancro alla gola in generale, l’interruzione del fumo e dell’abuso di alcol sono di gran lunga le misure più redditizie”.

Secondo il dottor Philippe Gorphe, del reparto di chirurgia oncologica della testa e del collo dell’Istituto Gustave-Roussy, “i tumori dell’orofaringe dovuti al papillomavirus sono solo dal 27% al 40% nel nostro Paese (quindi in minoranza) contro il 60%-80% negli Stati Uniti, il 75% in Inghilterra e l’80% in Svezia, dove i tumori ORL di origine da fumo sono proporzionalmente meno frequenti”. Il professor Garrel è d’accordo con la sua opinione e specifica che è “possibile che i tumori orofaringei legati a fellatio e cunnilingus e/o alla moltiplicazione dei partner stiano progredendo. Ma quelli che sono davvero esplosi da un secolo sono quelli legati al tabacco e questo spiega perché le donne siano sempre più spesso preoccupate”.

Leggi anche:

Abbonati alla nostra newsletter: è gratis!

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: FacebookTwitter, e Instagram!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome

quattordici + dodici =