microonde fa male

La vita frenetica che conduciamo molto spesso ci spinge a prendere delle decisioni dannose per la nostra salute. Una di queste è, senza dubbio, quella che ci ha spinto a comprare un forno a microonde. Forse non lo sapevate, ma usare il forno a microonde fa male e ci sono decine di motivi per smettere di farlo.

Uno studio condotto nel 2003 in Spagna ha, infatti, dimostrato che la frutta e la verdura, quando vengono cotte in un forno a microonde, perdono fino al 97% delle sostanze nutritive che contribuiscono a ridurre l’incidenza della malattia coronarica.

Uno studio condotto da un’equipe medica capeggiata da Hans Ulrich Hertel e Bernard H. Blanc dell’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia e Biochimica ha inoltre dimostrato che cuocere o riscaldare il cibo in questo tipo di apparecchi è davvero pericoloso.

Il microonde fa male? Ecco 10 buoni motivi per smettere di usarlo:

1. Aumenta la frequenza dei disturbi digestivi nei consumatori.

2. Aumenta il rischio di cancro allo stomaco e all’intestino.

3. Aumenta la formazione di cellule tumorali nel sangue.

4. Favorisce l’insorgere dei disturbi linfatici che portano alla diminuzione della capacità di prevenire alcuni tipi di cancro.

5. Riduce significativamente il valore nutrizionale di tutti gli alimenti.

6. Accelera la disgregazione strutturale degli alimenti.

7. Favorisce la perdita del 60-90% del contenuto energetico vitale di tutti gli alimenti.

8. Riduce il processo di integrazione metabolica di alcaloidi, glicosidi e nitrilosidi.

9. Distrugge il valore nutrizionale della carne.

10. Diminuisce la biodisponibilità, che è la capacità del corpo di utilizzare le vitamine del gruppo B, la vitamina C, la vitamina E e i minerali essenziali, contenuti negli alimenti.

Ora che sapete che usare il microonde fa male, staccate la spina ed iniziate a sperimentare metodi di cottura alternativi!

Se questo articolo vi è piaciuto, leggete anche:

Abbonati alla newsletter: è gratis e lo sarà per sempre!

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Google+ e Instagram!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 − 1 =