ictus
Spread the love

Secondo uno studio condotto da un medico cinese, avere un ago in casa è fondamentale in caso di ictus. Utilizzando un ago è, infatti, possibile salvare una persona colpita da ictus. 

Ictus: ecco tutto quello che devi sapere

Quando una persona viene colpita da un ictus, i capillari del cervello si lacerano gradualmente. Ecco perché è importante intervenire tempestivamente e chiamare i soccorsi.

Inoltre, indipendentemente da dove si trova la vittima, non bisogna spostarla, in quanto spostandola, i capillari potrebbero rompersi, causando dei sanguinamenti nel cervello.

L’unica cosa che puoi fare per salvare la persona affetta da ictus è prendere un ago normale o una siringa, passarlo sul fuoco per sterilizzarlo e quindi usalo per pungere la punta delle 10 dita.

Non è necessario pungere un punto specifico (come in agopuntura), l’importante è che sia a pochi millimetri dall’unghia e che il sangue goccioli.

Se il sangue non dovesse iniziare a gocciolare, bisogna premere l’area in modo che il sangue possa fluire.

Quando le 10 dita inizieranno a sanguinare, nel giro di qualche minuto la vittima tornerà in vita.

 

La tecnica dello spargimento di sangue è un metodo della medicina tradizionale cinese che a detta degli esperti ha un’efficacia pari al 100%.

Ciononostante, se vi trovate ad assistere una persona colpita da ictus, vi consigliamo di chiamare subito un’ambulanza e chiedere al personale medico come comportarvi in attesa del loro arrivo. Chiedete loro se è possibile praticare la tecnica dello spargimento di sangue in attesa del loro intervento oppure è preferibile non muovere per nessun motivo l’ammalato.

Se questo articolo ti è piaciuto, leggi anche:

PUBBLICITAAbbonati alla nostra newsletter: è gratis!

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: FacebookTwitterGoogle+ e Instagram!

NB: Le informazioni riportate in questo articolo sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche. Pertanto non devono intendersi come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o la sospensione di un farmaco. L’articolo ha scopo informativo, ma non intende sostituire in alcun modo il parere di un medico generico o specialista. L’utilizzo delle informazioni fornite è da intendersi sotto la responsabilità, il controllo e la discrezione del lettore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tredici + sei =