il caffè decaffeinato

Il caffè decaffeinato è una bevanda ormai molto diffusa, ma di cosa si tratta precisamente? Letteralmente è caffé privo di caffeina, l’alcaloide dai noti effetti stimolanti sul sistema nervoso che è sconsigliato ad alcune categorie di persone (ansiosi, ipertesi, cardiopatici, donne in dolce attesa).

Curiosità…Questa particolare versione di caffé fu inventata e realizzata per la prima volta in Germania nel 1905 da Ludwig Roselius.

ll caffè decaffeinato non contiene caffeina?

Dire che un caffè decaffeinato non contiene caffeina è errato, perché anche questo particolare tipo di caffè conteniene questa sostanza, seppur in minima quantità. Più precisamente una tazzina di caffè decaffeinato contiene lo 0,1 % circa di caffeina contro l’ 1,2- 1,5% del caffè di qualità arabica e il 2, 2 – 5 % del caffè robusto. Quindi una tazzina di decaffeinato contiene 2 mg di caffeina contro gli 80-120 mg del caffè normale.

L’aspetto positivo del consumare caffè decaffeinato sta nel basso contenuto di caffeina, tuttavia questo particolare tipo di caffè ha anche degli effetti collaterali che non sono legati alla modesta quantità di caffeina ma alla modalità di lavorazione. Il caffè decaffeinato, infatti, può essere dannoso perchè potrebbe essere contaminato da agenti chimici, derivati dall’utilizzo di solventi come l’acetato di etile o dall’anidride carbonica che vengono utilizzati per l’estrazione del caffè durante il processo di decaffeinizzazione. Quest’ultime sono sostanze per le quali la legislazione ha definito le quantità limite e, pur essendo presenti nel prodotto finale in modestissime quantità, potrebbero comunque nuocere alla salute.

Il caffè decaffeinato è cancerogeno?

Qualsiasi alimento tostato che subisce delle modifiche ad alte temperature, viene definito dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) pericoloso per la salute umana, perché sviluppa sostanze cancerogene. In effetti, durante la tostatura del caffè, la cellulosa dei chicchi viene bruciata, diventando una sostanza tossica per l’organismo e una potenziale causa di tumore.

Dunque, alla luce di questi fatti, prima di acquistare del caffè senza caffeina valutate bene i pro e i contro dell’acquisto. Se proprio non potete assumere caffeina e non vi va neppure di rinunciare alla pausa caffè, vi consiglio di acquistare del caffè naturalmente decaffeinato o di bere del caffè tradizionale limitando le quantità.

Se questo articolo ti è piaciuto, leggi anche:

  • La caffeina migliora le prestazioni fisiche
  • Il caffè istantaneo fa male?
  • Aumento sigarette: 20 centesimi in più per ogni pacchetto

 

1 commento

  1. […] seguito alla pubblicazione dell’articolo Il caffè decaffeinato fa male?, il Comitato Italiano del caffè, ci ha informato degli ultimissimi studi effettuati dalla […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 + 3 =