Home Home L’incredibile metodo giapponese che cura le malattie emotive attraverso le dita

L’incredibile metodo giapponese che cura le malattie emotive attraverso le dita

552
0
malattie emotive

Stress, stanchezza ed irritabilità sono la conseguenza dei ritmi frenetici che seguiamo ogni giorno. Mangiamo di fretta, lavoriamo di fretta e viviamo di fretta. Praticamente una continua corsa contro il tempo che può avere come conseguenza il male del nostro secolo: le malattie emotive.

Malattie emotive: quando le emozioni sono alla base dei nostri mali

Condurre una vita sregolata a lungo andare può causare ansia, stress, insonnia e tutta quella serie di disturbi che possono essere definiti malattie emotive.

La medicina cinese ha scoperto che queste malattie possono essere controllate prendendo coscienza del nostro corpo, dimostrando quanto possano essere potenti le mani e le dita.

Si parte dal presupposto che dita sono una grande fonte di energia collegate ad emozioni e sensazioni specifiche.

Ecco quali emozioni sono associate a ciascun dito:

1. Pollice. Premere e tenere premuto questo dito combatte lo stress ed elimina le preoccupazioni.

2. Indice. Premere e tenere premuto questo dito ti aiuterà a controllare le paure.

3. Medio. Premere e tenere premuto questo dito ti aiuterà a limitare rabbia, amarezza e altri sentimenti negativi.

4. Anulare. Premere e tenere premuto questo dito ti aiuterà ad eliminare la depressione e la tristezza ed aiutarti a prendere decisioni importanti.

5. Mignolo. Premere e tenere premuto questo dito ti aiuterà a calmare la tua ansia, ad eliminare il pessimismo e concentrare le tue energie per raggiungere un obiettivo.

Per combattere le malattie emotive e liberarti definitivamente di ansia e stress prova ad eseguire questo esercizio con ciascuna delle dita di entrambe le mani, facendo passare dai 20 ai 30 secondi prima di passare da un dito all’altro.

Leggi anche:

Per restare sempre aggiornata/o e non perderti nessuno degli articoli firmati DidiDonna iscriviti alla nostra newsletter settimanale. Seguici anche sui nostri canali social: Facebook, Twitter, Google+ e Instagram!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome

quattro × due =