Home Casa Come pulire la caldaia per garantirne il corretto funzionamento

Come pulire la caldaia per garantirne il corretto funzionamento

129
0
pulire la caldaia

La caldaia è una componente fondamentale per il riscaldamento della casa e per la produzione di acqua calda sanitaria. Tutti ne conoscono le funzionalità, ma solo pochi sanno che quest’ultima viene installata principalmente su balconi e terrazze per evitare l’esalazione di gas tossici e che, inoltre, per mantenerla in condizioni ottimali è bene effettuare una pulizia almeno una volta all’anno. Proprio così! Pulire la caldaia è un compito a cui nessuno può sottrarsi ecco perché abbiamo realizzato per voi una guida pratica su come effettuare questa operazione.

Perché bisogna pulire la caldaia?

La pulizia delle caldaie murali da esterno è un’operazione che va effettuata una volta all’anno, solitamente in autunno o in prossimità dei mesi freddi. La soluzione migliore sarebbe chiedere a del personale specializzato di farsi carico di questo compito, ciononostante in molti preferiscono occuparsi personalmente di questa operazione. Ma perché è importante pulire la caldaia?

Sono diverse le ragioni che vi dovrebbero spingere ad effettuare questa operazione almeno una volta all’anno. Una tra tutte è, senza dubbio, l’obbligo di legge. La pulizia rientra, infatti, nel complesso generale delle operazioni di manutenzione obbligatoria da eseguire per garantire il corretto funzionamento della caldaia.

Una caldaia sporca non può, infatti, garantire il giusto assorbimento di calore e, pertanto, la produzione di acqua calda.

Di conseguenza avrà bisogno di più gas per alimentarsi ed offrirà delle prestazioni peggiori. In alcuni casi potrebbe, addirittura, non erogare acqua sanitaria calda.

Inoltre una caldaia pulita non avrà bisogno di interventi di riparazione o ne avrà bisogno di un numero minore rispetto ad una sporca.

E poi una caldaia pulita è anche amica dell’ambiente in quanto inquina di meno.

Di qui, la necessità di effettuare regolarmente le operazioni di pulizia.

Ecco come effettuare la pulizia della caldaia

Se vi piace cimentarvi in lavori fai da te, come la pulizia della caldaia, avrete bisogno di pochi semplici attrezzi.

Ecco quali sono:

– Un pennello medio

– Qualche straccio o panno da cucina

– Una bottiglia di alcool

– Una bomboletta spray con aria compressa

Una volta recuperato il materiale, potrete dare avvio alle operazioni di pulizia vere e proprie.

  1. Il primo passo da fare è spegnere la caldaia.
  2. Successivamente dovete togliere la manopola di accensione e della regolazione della fiamma ed estrarre il pannello con l’ausilio di un cacciavite, premendo con cautela verso l’alto.
  3. Una volta aperta la caldaia prendete il pennello ed iniziate a pulire le cellette e l’ugello del bruciatore.
  4. Conclusa questa operazione, prendete la bomboletta ad aria compressa e pulite le cellette presenti nel bruciatore.
  5. Per finire, pulite l’ugello con uno straccio imbevuto di alcool.
  6. Utilizzate l’alcool anche per pulire per bene le pareti della caldaia ed eliminare calcare e fuliggine.
  7. Una speciale attenzione va rivolta, inoltre, allo scambiatore della caldaia all’interno del quale possono accumularsi ostacoli al suo regolare funzionamento. La presenza di calcare al suo interno, fa sì che l’acqua calda fuoriesca dal rubinetto con una bassa pressione o addirittura fredda, generando sprechi di combustibile. 
  8. Conclusi questi passaggi, inserite il pannello frontale di copertura della caldaia ed agganciate le due manopole, tolte in precedenza.
  9. A questo punto non dovete fare altro che accendere la fiamma pilota.
  10. Le operazioni di pulizia della caldaia sono terminate.
  11. Per controllare se avete pulito bene o meno ogni componente, vi basterà aprire il rubinetto dell’acqua calda: una prova semplice ed efficace!

PS: Quando pulite la caldaia, fate attenzione a non provocare danni alle alette dello scambiatore. Un loro eventuale danneggiamento potrebbe, infatti, pregiudicare il corretto funzionamento di quest’ultima.

Qualche consiglio per la manutenzione della caldaia

Per far sì che la caldaia funzioni sempre correttamente, potete effettuare alcune semplici operazioni come:

– Controllare la batteria al litio almeno ogni due anni.

– Pulire e controllare i termosifoni almeno una volta all’anno. Come? Facendo uscire aria ed acqua in accesso.

Come avrete potuto notare, se avete almeno un minimo di dimestichezza con le tecniche fai da te, pulire la caldaia e renderla come nuova, non sarà affatto difficile. In alternativa, se ritenete che l’operazione sia troppo complessa per le vostre competenze, evitate il fai da te e rivolgetevi ad una ditta specializzata.

Il fai da te può essere utile solo in un’ottica di risparmio. Dunque se ritenete di non essere in grado di effettuare le operazioni sopra descritte, evitate di occuparvi della manutenzione della caldaia. In questo modo, spenderete dei soldi per richiedere l’intervento di un tecnico, ma non dovrete farvi carico di una spesa più importante come quella di riparazione della caldaia.

Che optiate per il fai da te o per un intervento specializzato, non dimenticate mai di pulire la caldaia. Il vostro portafogli ringrazierà, perché la bolletta del gas sarà molto più leggera. Provare per credere!

Se questo articolo ti è piaciuto, leggi anche:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome

16 − 4 =